“Al governo locale vengono richieste oggi assicurazioni sul benessere complessivo del territorio amministrato, sulla sua vivibilità e sulla sua capacità di fare sistema”
(Programma elettorale per il mandato amministrativo 2009-2014, pag.3)

Per rispondere in modo adeguato ai processi di riforma dei sistemi di governance locale, il Comune di Sesto Fiorentino ha lavorato per rivedere la propria macrostruttura, elaborando un’organizzazione che rappresenta, di fatto, la sintesi tra modelli di governance interna, modelli di coordinamento delle funzioni dirigenziali e meccanismi operativi. Sono state valorizzate le figure appartenenti al quadro funzionariale intermedio, finalizzando tale operazione alla creazione di un modello di “responsabilità diffusa” rispetto ai risultati dell’attività programmatoria e alla qualità dell’azione amministrativa. Le ulteriori fasi di revisione organizzativa hanno riguardato l’adozione di nuovi sistemi di gestione e valutazione delle risorse umane, orientati allo sviluppo delle competenze professionali, la rilevazione e l’analisi dei procedimenti amministrativi al fine di evidenziare le aree di maggiore criticità e di possibile miglioramento e il potenziamento dei servizi web e delle procedure on line.

La cultura della semplificazione ha portato all’idea della creazione di un front office unico per fornire ogni tipo di risposta nell’ambito del rapporto tra cittadinanza e Comune. Nel progetto originario era prevista la realizzazione di due diverse aree: l’area cittadino e l’area imprese, entrambe da collocare nell’immobile di via Fratti, già sede della biblioteca comunale. Le difficoltà legate al recupero dell’immobile in tempi celeri hanno indotto l’Amministrazione ad anticipare la realizzazione del front office unico “Area professionisti e imprese”, inaugurato il 13 dicembre 2013, per il quale erano disponibili altri locali di proprietà comunale in via Dante Alighieri.

L’accorpamento nello stesso luogo dell’accesso alle pratiche produttive ed edilizie per professionisti e imprese era un’esigenza segnalata da tempo e averlo realizzato è un fatto sicuramente positivo. In attesa dei futuri interventi di recupero della ex sede della biblioteca comunale, per cui è in corso di svolgimento e verrà ultimata nel mese di febbraio la gara per la progettazione ed esecuzione dei lavori, questa soluzione rappresenta un primo passo verso la creazione di un unico Sportello Polifunzionale dell’intera struttura comunale che porterà grandi vantaggi per cittadini e imprese e per l’Amministrazione comunale in termini di razionalizzazione dei costi, spazi, risorse umane e maggior accessibilità e standardizzazione delle procedure.

Per quanto attiene al tema della sicurezza, sono state intraprese azioni improntate al coinvolgimento della cittadinanza e al rispetto delle regole “del buon vivere la città”. Priorità dell’Amministrazione comunale sono state, ad esempio, la costante attenzione alla legalità, il potenziamento dei turni della Polizia Municipale, l’attività coordinata e sinergica tra tutte le forze di polizia, la riorganizzazione della Protezione civile, la complessa gestione delle aree ex Ospedale Luzzi, ex area Osmatex e CIR.

Cosa pensano di noi